Header Color:
Main Color:
Footer Color:
LE CATEGORIE DEL BLOG ...
IL BLOG PER MESE ...

 

 

imgSDA - Comitato di Bolzano ... il mondo che parla in italiano
SDA - Comitato di Bolzano ... il mondo che parla in italiano
img“Non può comprendere la passione chi non l'ha provata”
“Non può comprendere la passione chi non l'ha provata”
img“Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini”
“Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini”
img“Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice ne la miseria”
“Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice ne la miseria”

Foto per gentile concessione dal sito www.sudtirol.com...

IL BLOG DEL COMITATO DANTE DI BOLZANO ...
05

20 aprile 2017 - DANTE LEGGERO - anteprima assoluta a cura del prof. Marco Veglia

posted on
20 aprile 2017 - DANTE LEGGERO - anteprima assoluta a cura del prof. Marco Veglia

DANTE LEGGERO

 

Di Dante e su Dante si è scritto e detto di tutto di più, molto si è ipotizzato anche perché gran parte di quanto si sa di lui è stato desunto dai suoi scritti e dalle sue opere, persino l’anno e il giorno di nascita, il segno zodiacale di appartenenza solo per fare alcuni esempi.

All’inizio abbiamo un Dante, cultore dell’amicizia tra giovani che collega la giovinezza al concetto di brevità, un attimo fuggente che lascia rimpianto, che crede nell’amore come fonte di felicità, studia la poesia dei trovatori e dei poemi cavallereschi sotto l’influenza del suo maestro Brunetto Latini e celebra l’amicizia con Guido Cavalcanti con l’indimenticabile sonetto “Guido, i’ vorrei”. In seguito intraprende studi filosofici che lo portano ad un livello culturale e ad un’erudizione sommi come la sua arte.

Dopo il matrimonio avvenuto circa a vent’anni d’età, ha inizio la vita politica prima come cavaliere in alcune campagne militari condotte da Firenze contro Arezzo e Pisa, poi come ambasciatore ed infine, dopo la sua iscrizione alla corporazione dei Medici e degli speziali che glielo consentiva, come priore nell’anno 1300. Il periodo tra il maggio 1300 e l’autunno 1301 è stato determinante nella vita di Dante. Molto si è taciuto o non si è indagato facendo cadere un velo di reticenza anche a causa delle gravi ed infamanti accuse che hanno portato al suo esilio.

Il prof. Marco Veglia, docente di Letteratura italiana medioevale all’Università di Bologna, nel libro “Dante leggero” – Carocci editore - che presenterà in anteprima assoluta a Bolzano, formula un’ipotesi inedita anticipando il tempo della “visione” rispetto al maggio 1300, riaprendo di fatto il dossier della genesi del poema. La primavera dell’anno giubilare diventa nella sua ricerca sugli incontri descritti da Dante e sulle sue profezie, un periodo che consente la storicizzazione dei fatti che condussero all’esilio di Dante e alla stesura della Commedia.

Il Comitato della Dante di Bolzano ha ottenuto per la sua conferenza che avrà luogo il 20 aprile alle ore 18,30 nell’aula C2.01 della LUB, piazza Università1, il patrocinio della Facoltà di Scienze della Formazione di Bolzano, che ha riconosciuto il grande valore accademico del Prof. Veglia che è anche membro del Comitato Scientifico della Dante Centrale di Roma.

Il prof. Veglia, veramente versatile e rigoroso, è anche editorialista della pagina culturale del Corriere della Sera di Bologna, referente scientifico di diversi progetti culturali, organizzatore di conferenze, dibattiti e convegni in Italia e all’estero, invitato per lezioni e seminari nelle principali università nord -americane, direttore di collane editoriali. Ha fornito inoltre articoli, saggi e capitoli per diverse pubblicazioni scientifiche e personalmente pubblicato libri sui risultati delle sue ricerche.

a cura di Paola Mazzini

Categories: Conferenze, Informazioni | Tags: | View Count: (805) | Return