Header Color:
Main Color:
Footer Color:
LE CATEGORIE DEL BLOG ...
IL BLOG PER MESE ...

 

 

imgSDA - Comitato di Bolzano ... il mondo che parla in italiano
SDA - Comitato di Bolzano ... il mondo che parla in italiano
img“Non può comprendere la passione chi non l'ha provata”
“Non può comprendere la passione chi non l'ha provata”
img“Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini”
“Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini”
img“Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice ne la miseria”
“Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice ne la miseria”
IL BLOG DEL COMITATO DANTE DI BOLZANO ...
21

27 novembre 2018 - GIAMBATTISTA COTTA, agostiniano membro dell'Arcadia

posted on
27 novembre  2018 - GIAMBATTISTA COTTA, agostiniano membro dell'Arcadia

Riassumiamo in poche righe l’interessante conferenza proposta da due illustri soci del nostro comitato, il prof. Pietro Salvatore Reina e il dott. Achille Ragazzoni, attorno alla figura dell'agostiniano Gimbattista Cotta. Il nostro Autore, nato a Tenda (allora Stato sabaudo) nel 1668, a diciassette anni veste l'abito dell'Ordine eremitano di S. Agostino nel convento del SS. Crocifisso a Genova. Ordinato sacerdote (1691), completa gli studi filosofici e teologici nei collegi di Parma, Verona e Padova. Cotta è attraversato da un desiderio: vuole dedicare il proprio ingegno poetico all'esaltazione e alla celebrazione di Dio, unico soggetto degno di vera poesia, dunque comincia a comporre la sua opera più significativa che intitola Dio. Sonetti ed Inni, come già aveva fatto il De Lemene. A Roma conosce il letterato e giurista italiano Giovanni Vincenzo Gravina (uno dei fondatori dell'Accademia), il Guidi, il Menzini, il Crescimbeni, et alii che l'accolgono, nel 1699, nell'Accademia dell’Arcadia.

Stasera i due autori (Ragazzoni e Reina) anticiperanno un «ritratto di Cotta» indagato e studiato, in questi mesi, ed oramai di prossima pubblicazione. Un ritratto storico, quello di Ragazzoni, che si centra sulla storia periferica dello Stato sabaudo prendendo in esame i rapporti politico-culturali tra centro e periferia dello stato sabaudo ed uno letterario, a cura di Reina, che rintraccia nelle «rime spirituali» la presenza della trascendenza, dell’infinito, dell’altro e dell’oltre. Per Reina, studioso di letteratura (religiosa) e professore di religione, raccontare l’esperienza dell’interiorità di Giovambattista Cotta d’«impiegarsi in rime spirituali» è un’«occasione» per rilanciare l’«economia della poetica» d’un uomo degli ultimi decenni del Seicento.

Vi aspettiamo numerosi ...

il Direttivo

Categories: Conferenze, Varie | Tags: | View Count: (22) | Return

Attachments

  1. Cotta 2.jpg 10/12/2018 20:55:36