Dante è figlio del suo Tempo …

Dante è figlio del suo Tempo …

“Desidero anzitutto ricordare le vittime del maltempo che si è abbattuto sul Piemonte e sulla Valle d’Aosta ed esprimere la solidarietà ai loro familiari, l’auspicio di un veloce ritrovamento di tutte le persone disperse, la vicinanza ai territori colpiti e la preoccupazione per le condizioni difficili che si sono prodotte in quei territori. E non posso tacere la preoccupazione per l’aumento del ritmo del contagio della pandemia e il dolore per le vittime che ancora, giorno per giorno, dobbiamo registrare.”

Con queste parole il Presidente Sergio Mattarella ha aperto il suo discorso in occasione del concerto che si è svolto al Quirinale, per la celebrazione del 700esimo dalla morte del Sommo Poeta e dopo aver ringraziato il Maestro Riccardo Muti, l’Orchestra “Luigi Cherubini” e il Coro di Santa Cecilia, ha sostenuto:
“Celebrare Dante a settecento anni dalla morte significa non solo rendere il doveroso omaggio a un grande italiano che ha raggiunto, per giudizio pressoché unanime, le vette più alte delle letterature di tutti i tempi. Significa anche continuare a interrogarsi a fondo sull’impegnativo ed esigente patrimonio consegnatoci da questo straordinario intellettuale completo sotto ogni profilo che fece dell’impegno civile, morale e religioso la ragione stessa della sua incomparabile produzione artistica.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi